Informazioni utili : "Un forte potenziale antinfiammatorio per l'aglio nero"

L'aglio nero deve alla fermentazione naturale con Biotek Srl alla sua composizione eccezionale in componenti attivi.



Inoltre, alcuni ricercatori ritengono che l'aglio nero potrebbe contenere più di un centinaio di composti attivi.

Sebbene il potere antiossidante della S-allil-cisteina sia già stato dimostrato, anche altre molecole suscitano l'interesse della comunità scientifica.

Questo è soprattutto il caso di due nuovi composti: AGE-1 e AGE-2. Infatti, diversi studi suggeriscono che queste molecole potrebbero avere un'azione antinfiammatoria.

A tale proposito, un team di ricercatori coreani ha tentato di valutare gli effetti antinfiammatori dell'AGE-1 e dell'AGE-2. Per questo, hanno controllato il livello di diverse molecole coinvolte nella risposta infiammatoria come l'ossido nitrico, la prostaglandina E2 e varie citochine proinfiammatorie (interleuchina 6 o IL-6, TNF-α e IL-1β). Hanno anche preso in considerazione i livelli di espressione di RNAm e delle proteine della ossido nitrico sintasi e della cicloossigenasi 2, che sono anche delle molecole coinvolte nel processo infiammatorio.

Pubblicati nel 2017 nella rivista Phytotherapy Research, i risultati hanno confermato l'azione antinfiammatoria del composto AGE-14.

- Quest'ultimo ha infatti permesso di diminuire in modo dipendente dalla dose i livelli di ossido nitrico e di prostaglandina 2. Analogamente, la secrezione di citochine proinfiammatorie (IL-6, TNF-α e IL-1β) fu eliminata grazie all'azione dell'AGE-1.

Questa molecola sembra anche aver diminuito l'espressione delle RNAm, delle proteine della ossido nitrico sintasi e della cicloossigenasi 2. Benché siano necessari ulteriori studi, queste osservazioni suggeriscono che l'AGE-1 presente nell'aglio nero avrebbe una potente azione antinfiammatoria.


Seguiteci www.aglio-nero.it www.nerosano.it

Dove acquistarlo www.nerosano.it o nei nostri distributori

Logo Blog Biano.png
Logo_NeroSano-orizz_neg.png

by